TREKKING FORCELLA DEL DURANNO

Itinerario vario e di una certa difficoltà alpinistica in quota, supportato dalla presenza di punti di appoggio che consentono di distribuire il dislivello e l’impegno anche in un paio di giornate. Il percorso, che inizia in Val Cimoliana, raggiunge le praterie alpine del monte Lodina e l’aerea cresta delle Cime Centenere, per poi discendere nella Val Zemola.

COMUNE

Cimolais, Erto e Casso

PARTENZA

Ponte Compol

ARRIVO

Rifugio Casera Mela

PERIODO CONSIGLIATO

Luglio-Settembre

TEMPO DI PERCORRENZA

8 – 9 ore

PUNTI DI APPOGGIO

Casera Lodina, Rifugio Maniago

Dal parcheggio presso il Ponte Compol, raggiungibile da Cimolais seguendo la strada della Val Cimoliana, si imbocca il sentiero che sale attraverso il bosco di Lodina fino a raggiungere il pascolo e l’omonima Casera (ricovero). Da quest’ultima si prosegue risalendo il pascolo e, oltrepassati i ruderi di un’ulteriore casera (Bergon) si perviene alla Forcella Lodina. Da qui il sentiero va a immettersi nell’ampio vallone di origine carsica della Busa dei Vediei, caratterizzato dalla presenza di dossi, doline e inghiottitoi diffusi. Oltrepassato questo ampio altopiano, la traccia prende a salire e a raggiungere la cresta delle Cime Centenere, ne percorre una parte (difficoltà alpinistiche) e successivamente scende leggermente per pervenire alla Forcella del Duranno, situata ai piedi dell’omonima cima, caratteristica per l’imponente forma piramidale. Il percorso prosegue successivamente discendendo il versante opposto, inizialmente per rocce articolate (difficoltà alpinistiche) fino alla loro base, da cui si prosegue per traccia su ghiaioni prima e lungo una boscaglia di pino mugo poi, fino a pervenire al Rifugio Maniago. Dal Rifugio si segue il sentiero, che attraversa i caratteristici boschi della Val Zemola, per raggiungere il fondovalle e il Rifugio Casera Mela (parcheggio).

Forcella Duranno

Rifugio Maniago

Sentiero bosco di Lodina